Con incontri denominati “future talk” (su tecnomagia, sviluppo sostenibile, transpolitica), workshopinstallazioni artistichelaboratori esperienziali dell’Happiness Camp – tra teatro, performance, disegno, scrittura, authentic relating, neuroscienze, filosofia contemporanea e antropologia – debutta tra Udine, Codroipo e Villa Russiz (Capriva del Friuli), nelle giornate del 20 e 21 e del 28 e 29 giugno, la manifestazione FuturibiliFestival dei futuri possibili, ideato e organizzato dal collettivo artistico di Social Art DMAV con associazione Start Cultura e il sostegno della Regione FVG, assieme a numerose partnership pubbliche e private.

Futuribili è soprattutto un viaggio alla scoperta dei futuri che emergono nel presente attraverso il dialogo con storie, esperienze e parole provenienti dal passato del nostro territorio, dove è possibile individuare personalità significative, tra artisti e intellettuali, ma anche patrimoni culturali e artistici, tradizioni, fatti storici ed esperienze sul campo che ci mettono in relazione con le tematiche-chiave della nostra contemporaneità, per creare un laboratorio permanente di divulgazione culturale e di elaborazione di visioni sul futuro, in relazione allo specifico genius loci di queste terre.

In uno spazio-tempo denso e stratificato, hanno convissuto in questa regione esperienze di radicale innovazione sociale (si pensi solo al lavoro di Franco Basaglia), ispirazioni religiose legate all’esperienza degli “ultimi” (da padre David Maria Turoldo a don Di Piazza), visioni antropologiche connesse all’autodeterminazione delle comunità (l’esperienza remota dei Benandanti che innerva, a secoli di distanza, le esperienze di molti nuclei di creatività artistica contemporanea), sperimentazioni a cavallo tra industria e visionarietà (da Harry Bertoia a Ernesto Illy), visioni poetiche sospese tra passato e futuro: da Svevo e Joyce a Pasolini e Biagio Marin. E proprio al poeta gradese Biagio Marin, fonte di ispirazione per questa prima edizione, e alla sua straordinaria visione poetica, viene dedicato un murales a cura di DMAV Straesolesae, che andrà a “tatuare” la facciata di Casa Elvine, la casa famiglia per l’accoglienza di minori in situazioni di difficoltà, che rappresenta l’attività fondamentale della Fondazione Villa Russiz.

Questa prima edizione di Futuribili prende le mosse proprio dall’importante esperienza culturale e sociale della Fondazione Villa Russiz che ha fissato il proprio “futuro possibile” unendo una forte visione sociale alle iniziative imprenditoriali vitivinicole che consentono di sostenerla. Di stràe solesàe (strade inondate di sole) Biagio Marin parla in una delle sue poesie, ma il titolo è al contempo un rimando preciso ai filoni più profondi della storia di Villa Russiz: con l’opera ideata per l’occasione si vogliono, infatti, celebrare le nuove strade inondate di sole che si aprono ai ragazzi e alle ragazze che trovano accoglienza nella Casa famiglia Elvine, a cui viene data l’occasione di ripartire e riprendere contatto con la possibilità di un futuro. Ragazzi e ragazze che sono stati coinvolti nella realizzazione dell’opera, che si presenta come un grande affresco a muro di ispirazione vegetale e floreale che simboleggia una natura madre in grado di abbracciare e lenire le ferite di un’infanzia dolente, riportando affetto e calore dove prima c’erano solitudine e freddezza. L’opera riempie di tonalità giallo e arancio la facciata di Casa Elvine rivolta a est, proprio dove il sole nasce. Questo non sarà l’unico omaggio al poeta gradese: nelle giornate di svolgimento del festival a Capriva, infatti, il 28 e 29 giugno, negli spazi esterni della Villa si potrà ammirare, un’installazione video-artistica di public art dedicata a Marin e alla sua poetica.

All’interno del suo palinsesto, Futuribili ospita in quest’anno una serie di laboratori esperienziali denominati “Happiness Camp” – progetto dedicato al tema del processo di costruzione della felicità personale e collettivaattraverso l’utilizzo di linguaggi innovativi e creativi – i Future Talk – panel aperti al pubblico per ragionare sull’intreccio tra passato, presente e futuro – e live show tra musica e arte visiva.

Il Festival aprirà i battenti a Udine nella mattinata di giovedì 20 giugno – in collaborazione con il Comune e con l’Università degli Studi di Udine – proprio con il primo degli appuntamenti inseriti nel percorso interdisciplinareHappiness Camp. Sarà la Casa della Contadinanza ad ospitare l’avvio di questa esperienza con un laboratorio sul talento che prende le mosse dall’esperienza denominata “The village”, un metodo creativoideato e sperimentato nell’ultimo decennio in organizzazioni, aziende, comunità e team di ogni tipo e dimensione. Un progetto che si interroga sugli archetipi della comunità ma anche un appassionante e suggestivo social game per intraprendere un viaggio alla scoperta dei nostri talenti, la partecipazione è a ingresso libero. Sempre nella giornata del 20 giugno, a Codroipo (dalle 17.30 nella Sala incontri della Canonica) in programma un laboratorio dedicato alla felicità urbana e alla costruzione delle città del domani per modellare un “futuro possibile” più felice e sostenibile.

Nel pomeriggio di venerdì 21 giugno il Festival si sposta a Villa Russiz per il primo dei Future Talk (ore 17.00) con un incontro dedicato a “Il futuro del vino italiano: tendenze, sfide e opportunità”, un incontro con esperti del settore per scoprire le prospettive del settore vitivinicolo in Italia e discutere delle dinamiche e delle nuove opportunità che questo mercato offre. Partecipano  Antonio Paoletti (Presidente della Fondazione Villa Russiz e della CCIAA Venezia Giulia), Marina Cvetic (Owner Masciarelli Tenute Agricole), Flavio Geretto (Chief Commercial Officer di Villa Sandi Spa), Pierangelo Tommasi (Direttore Generale di Tommasi Family Estates), Walter Massa (Owner Vigneti Massa), Antonio Donato (Direttore Generale Tenute del Cerro), Matteo Bellotto (Brand Ambassador Consorzio UniDoc FVG e Consorzio Friuli Colli Orientali e Ramandolo),  David Buzzinelli (Presidente Consorzio Collio). A moderare l’incontro Fabio Piccoli, Direttore Responsabile di Wine Meridian. L’incontro sarà seguito da una degustazione. 

Futuribili avrà il suo cuore nelle giornate di venerdì 28 e sabato 29 giugno, sempre negli spazi di Villa Russiz. Attesi ulteriori laboratori Happines Camp – tra teatro, performance, tango, yoga, disegno, scrittura, authentic relating, workshop dedicati alle neuroscienze, alla filosofia contemporanea e all’antropologia – gli incontri “Future Talk” i live show e l’inaugurazione (29 giugno) dell’installazione video ispirata alla figura di Biagio Marin. Nelle due giornate in programma a Capriva sarà anche possibile effettuare visite guidate al Castello e al Parco dove sarà raccontata la vicenda storica, sociale e vitivinicola di Villa Russiz.

Tre i laboratori previsti per il 28 giugno, tutti programmati tra le 14.30 e le 16.30. Con “Performing Happiness” di potranno scoprire nuove parti di sé attraverso il teatro e la performance, utilizzati quali strumenti per uscire dalla propria zona di comfort. “Emozioni, creatività e neuroscienze: strade e linguaggi per una felicità possibile” è un workshop sulle scoperte neuroscientifiche e l’intelligenza emotiva. Infine, in “Pratiche rurali tradizionali per un’orticoltura domestica sostenibile” si proporrà la valorizzazione e il recupero in chiave pratica di due saperi tradizionali: lo scambio di semi autoprodotti per la conservazione della biodiversità e l’utilizzo della falce fienaia per la gestione del verde domestico.

“Tecnomagia, Afrofuturismo e Aurora Digitale” è, invece, il titolo del Future Talk in programma nel tardo pomeriggio di venerdì 28 giugno (ore 18.00). Relatori la sociosemiologa Claudia Attimonelli e il sociologo Vincenzo Susca. La giornata sarà suggellata alle 21.00 dal concerto del duo Bono/Burattini uno dei progetti musicali più interessanti degli ultimi anni. Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume) – autrici di quello che per molti è uno degli album italiani del 2023, Suono in tempo trasfigurato – arrivano a Villa Russiz con la loro combinazione tra sonorità sintetiche del Juno 60 di Francesca e gli inserimenti ritmici di Vittoria.

Ben sei laboratori del percorso Happiness Camp connotano la giornata di sabato 29 giugno, a partire, alle 11.00, da “Disegnare per stare bene” – che esplorerà la potenza e l’efficacia del linguaggio visuale per risvegliare i sensi – “Altre forme di vita: la felicità oltre l’umano” – dove la filosofia contemporanea incrocia altre discipline, come l’antropologia e lo studio delle menti animali – e “Le parole che fanno felici. La scrittura come pratica di benessere”, un percorso intimo e profondo, pratico ed esperienziale, che conduce alla scoperta o riscoperta del potere della scrittura. Nel pomeriggio, dalle 14.30, spazio al laboratorio “Tango Adentro” che esplora la metafora del tango come potente processo di connessione con sé stessi, mentre “Body and Mind connection: l’esperienza dello Yoga come percorso verso la felicità” è un workshop che muove tra Dharana (concentrazione profonda), Dhyana (meditazione), Asana (posizioni) e Pranayama (respiro), per portare i partecipanti in profondo contatto con il proprio vero sé. Ancora, in programma “La felicità è nelle piccole cose: uno spazio per ritrovare il benessere nella semplicità”, in cui sperimentare attività dialogiche e corporee, basate sull’approccio di authentic relating.

Nel pomeriggio, dopo l’inaugurazione dell’installazione Straesolesae, spazio alle 18.30 al Future Talk, “Anima sostenibile: l’esperienza di Animaimpresa”, dove saranno illustrati visioni, valori e buone pratiche di sostenibilità dalla viva voce di diverse professionalità e imprenditori: un panel a cura di Animaimpresa, network di oltre 100 aziende che promuove la sostenibilità sul territorio.

Gran finale alle 21.00 con il live show Lakick Live Looping & Visual Show. I Lakick – al secolo Andrea Fontana (batteria, percussioni, tastiera, voce) e Christian Rigano (tastiere, voce, percussioni, Harpejji) – arrivano a Futuribili con la nuova formazione che vede l’ingresso di Giulio Casagrande (grafiche e video) per presentare il nuovo spettacolo basato sul live looping e sui visual.

Tutti gli eventi sono gratuiti. Per i laboratori del 28 e 29 giugno, è richiesta la prenotazione su Eventbrite.