Tra i Paesi scandinavi la Norvegia sicuramente uno dei pi interessanti del momento. Al secondo posto al mondo per reddito pro-capite (dopo il Lussemburgo), rappresenta una delle economie di maggior successo nel campo del benessere sociale caratterizzata da un alto livello di qualit della vita. Il consumo di vino in Norvegia cominciato molto tardi, durante gli anni Cinquanta, ma solo dagli inizi del 2000, il consumo aumentato notevolmente, tanto da rendere la Norvegia uno dei Paesi scandinavi pi appetibili per i produttori italiani. Per conoscere meglio le dinamiche di questo Paese e lo stato dei consumi da parte dei norvegesi abbiamo intervistato limportatore Marius Sbye, 41 anni, fondatore e socio di Nebbiolo Wines.

Come iniziata la sua attivit con il vino italiano?

Dopo anni di esperienza in diverse aziende, ho fondato Nebbiolo Wines. Quando ho iniziato lattivit di importazione circa 4 anni fa, acquistavo e rivendevo solo vini piemontesi di alta qualit. Nella mia selezione di vini infatti ci sono principalmente Barbaresco, Barbera e Barolo. Il principale focus della mia attivit la qualit, non importa il prezzo. Con lo stesso intento, cercando vini di alta qualit, ora lavoro anche con vini di altre Regioni italiane: Friuli Venezia Giulia, Trentino, Liguria, Basilicata

Qual la situazione in Norvegia?

La Norvegia un Paese dove governa il monopolio, ma nonostante il controllo da parte del Vinmonopolet, che controlla circa 350 wine shop in tutto il territorio nazionale, gli importatori sono molto liberi di muoversi al suo interno. A livello commerciale c una grande competizione, gli importatori sono molti e i migliori produttori di vino italiani sono gi tutti controllati dai maggiori importatori.

Come organizzato il monopolio?

Il Vinmonopolet ha il controllo di 350 negozi in tutta la Norvegia dove vengono venduti i vini selezionati dal monopolio stesso. La Basic selection dei prodotti viene fatta dal Vinmonopolet, mentre i local manager hanno libert di scelta della “special selection”. I manager cos come i consumatori posso richiedere determinati vini, ordinarli e farli arrivare in negozio, oppure ordinarli online. Nonostante il sistema di controllo monopolistico c molta libert di movimento per noi importatori.

Qual lattitudine verso i vini italiani?

Linteresse per i vini italiani favoloso in questo momento in tutta la Scandinavia.Negli ultimi anni i vini italiani hanno avuto una crescita esponenziale in Norvegia. Per molto tempo lItalia era al secondo o terzo posto dopo la Francia nella classifica dei vini preferiti. Ora detiene il primo posto assoluto.

Come sono i consumatori?

I consumatori sono disponibili a spendere molto per il vino italiano. Non comprano vini a basso prezzo per risparmiare, cercano prodotti complessi e strutturati.

Come sceglie i produttori del suo portfolio?

Io guardo prima di tutto la qualit, inoltre i vini devono essere molto fruttati, concentrati e strutturati. Faccio molte ricerche, vengo spesso in Italia a fare incontri e tasting. Seguo le produzioni per qualche anno prima di decidere se provare a vendere un vino nel mio mercato.

Che consiglio darebbe ai produttori italiani?

Io sono specializzato in vini di fascia alta, perci il mio consiglio di puntare sulla qualit. I norvegesi sono molto esigenti e preparati, perch mossi da grande interesse per il vino. Sto notando la tendenza a produrre vino di qualit pi bassa da parte di alcuni produttori italiani, invece in Norvegia ci sono le disponibilit economiche e la curiosit per acquistare vini di alta qualit, non importa il prezzo. Vini puliti, con bassi contenuti di solfiti, stanno crescendo tra le preferenze dei clienti.

Quali sono le azioni promozionali e di marketing pi efficaci?

Collaborare con gli importatori e partecipare alle degustazioni che vengono organizzate da loro. In quelle occasioni le persone possono assaggiare i loro vini e se sono buoni verranno sicuramente acquistati.

Aspetti negativi e positivi del mercato norvegese?

Per i produttori che si approcciano ora al mercato molto difficile entrarvi anche se la qualit ottima. Ci sono tanti ottimi produttori, perci la concorrenza altissima a fronte di una popolazione non alta di 4.5 milioni di abitanti. Di contro i norvegesi amano i vini italiani, la cultura e il cibo e sono molto predisposti verso lItalia. Il marketing del vino italiano molto pi agevolato rispetto a quelli che provengono da Spagna, Nuovo Mondo

Che possibili sviluppi vede per i vini del Belpaese in Norvegia?

Io penso onestamente che linteresse per i vini italiani sia al top in questo momento. Sono gi circa 8 anni che questa situazione si protrae e penso che le mode possono cambiare. Questo il mio timore. La Spagna si sta organizzando e penso che presto arriveranno anche gli spagnoli. difficile prevedere, ma penso che ci sar una lieve inflessione nei prossimi anni.

Nebbiolo wines

www.nebbiolowines.no


Warning: Illegal string offset 'ID' in /home/customer/www/winemeridian.com/public_html/wp-content/themes/winemeridian/template-parts/content/content-post-default.php on line 140