Sebbene i tassi di crescita siano leggermente rallentati rispetto ai precedenti record di quest’anno, le vendite di vino nei canali IRI continuano a crescere in modo impressionante.
Secondo quanto riporta Shanken News Daily, per il periodo fino al 9 agosto i volumi totali sono aumentati del 13%, i valori sono saliti ancora di più (+17%). 
A titolo di confronto, secondo l’IRI, nell’anno solare 2019 i volumi di vino sono diminuiti dell’1,2%. Nonostante i dazi più elevati imposti alla fine dello scorso anno, le importazioni continuano a superare i vini americani sia in volume che in valore.

Tra i vini fermi, i segmenti in più rapida crescita sono stati i brands imbottigliati con un prezzo di almeno 20 dollari per 750 ml, che sono aumentati del 29% in termini di volume, seguiti da vini con un prezzo compreso tra i 12 e i 20 dollari (+22%). 
Le etichette con un prezzo inferiore agli 8 dollari per 750 ml sono aumentate di appena il 3% in volume, i vini in cartone economici sono cresciuti solo  dell’8%, mentre quelli di alta qualità del 30%.

Fino al 9 agosto, gli spumanti hanno più che raddoppiato i tassi di crescita dei vini da tavola, con un aumento del 24% in volume nei canali IRI, e del 27% in valore, un’impresa impressionante considerando che le vendite di spumanti in genere non raggiungono il picco fino agli ultimi due mesi dell’anno solare. I marchi di spumanti importati hanno superato le etichette americane anno dopo anno, trainate dal Prosecco (+32% in dollari anno dopo anno).

La Marca Prosecco di Gallo è il brand di spumante di punta in termini di valore in dollari. Secondo Impact Databank, La Marca si sta avvicinando rapidamente a 2 milioni di casse negli Stati Uniti ed è in procinto di diventare lo spumante più venduto sul mercato entro la fine dell’anno. Ma i brands in più rapida ascesa nei canali IRI sono stati Stella Rosa (+103% in termini di dollari) e Mionetto Prosecco (+52%).