Quante volte avreste voluto raccontare a un importante buyer americano la lunga tradizione della vostra azienda, le qualit del vostro vino e del vostro territorio, ma linglese era uno scoglio insuperabile? Quante volte vi capitato di partecipare a un wine tasting e di avere pochi minuti per presentarvi a unaudience straniera, e di non trovare le parole giuste per dimostrare esperienza e professionalit? O quante volte si sono creati dei malintesi con un partner cinese per una questione linguistica o culturale?

Che siate gi presenti su diversi mercati internazionali o che stiate pensando per la prima volta di aprirvi allexport, questa decisione sempre pi strategica – e per molti passo obbligato nel percorso di crescita comporta alcune riflessioni e lacquisizione di competenze che non possono pi essere trascurate. Competenze linguistiche, commerciali, di marketing e comunicazione, per sentirsi pi sicuri, preparati e convincenti quando si incontra un cliente, quando si presenta del materiale pubblicitario allestero, quando ci si propone con un sito web o sui social network.

Linglese come lingua franca internazionale si sta dimostrando infatti indispensabile non solo per interagire con Regno Unito, USA, Canada e Australia, ma anche per molti altri mercati considerati sbocchi interessanti per il vino Made in Italy.

La conoscenza della lingua, lavvicinarsi con rispetto e consapevolezza alla cultura, alle tradizioni e al contesto in cui operano i nostri partner commerciali diventano gli strumenti per creare le condizioni pi favorevoli a una relazione professionale duratura.

Sapersi presentare in modo chiaro, cordiale e coinvolgente, raccogliendo in pochi secondi le informazioni chiave relative alla nostra azienda, alla nostra storia e ai nostri prodotti, e comunicandole nel modo pi appropriato alla situazione in cui ci troviamo, significa trasmettere un messaggio di seriet e professionalit, preparando il terreno per una condivisione di emozioni.

Non solo. Diventa decisivo saper ascoltare davvero il nostro cliente, putting ourselves in our customers shoes, prestando attenzione alle sue esigenze e al suo punto di vista, facendolo sentire rispettato e a proprio agio. Accanto a questo la capacit di mantenere viva e attiva la conversazione, con tutta quella attivit di contorno – lo small talk – che consiste nel parlare del tempo, delle vacanze, di molte altre cose personali o professionali che possono sembrare banali ma che preparano le parti alla negoziazione, senza offendere chi vive e opera in un contesto culturale diverso dal nostro.

Nel parlare una lingua straniera non necessario essere perfetti e non commettere alcun errore grammaticale o sintattico, importante anche porsi in modo positivo e propositivo e sforzarsi di comunicare nel modo giusto anche con il linguaggio del corpo, per creare un rapporto di fiducia. Detto questo per, conoscere le strutture della lingua, la corretta terminologia di settore e le espressioni pi adeguate a determinati contesti, si rivela sicuramente una carta in pi da giocare per presentarci al meglio sia di persona che nella comunicazione scritta.

Questa rubrica si pone proprio lobiettivo di offrire spunti stimolanti, curiosit sul mondo del vino e strumenti utili in lingua inglese per affrontare i mercati internazionali, partecipare con una marcia in pi a fiere, eventi e incontri a livello globale con i nostri clienti e distributori, per raccontarci e far apprezzare il nostro vino nel mondo.

Per domande e richieste scrivi a redazione@winemeridian.com

1375093736piemonte nyc 03