Nel cuore delle festività pasquali, la Valpolicella si appresta a proporre una tavola ricca di sapori autentici e armoniosi, arricchita dai suoi pregiati vini che si sposano alla perfezione con i piatti della tradizione italiana. Questo gioiello paesaggistico, incastonato tra le vallate che si dipartono da Verona, non solo incanta per la sua straordinaria bellezza, ma si distingue anche come un’area vinicola di altissimo pregio, da cui nascono vini apprezzati in Italia e nel mondo.

La sua struttura paesaggistica, con un ventaglio di vallate che racchiudono tesori unici, testimonia l’importanza e la diversità di questo territorio. Suddivisa in tre zone principali secondo il disciplinare di produzione, la Valpolicella è il rifugio di vitigni pregiati come la Corvina, il Corvinone, la Rondinella e la Molinara.

Con 344 aziende di imbottigliatori e trasformatori, 6 cantine cooperative e 2.251 aziende agricole produttrici di uva, il Consorzio per la Tutela dei Vini Valpolicella si erge a custode di questa eredità millenaria, garantendo la qualità e la genuinità dei vini come Amarone della Valpolicella DOCG, Recioto della Valpolicella DOCG, Valpolicella Ripasso DOC e Valpolicella DOC.

Ma la Valpolicella non è soltanto un territorio viticolo; è anche un’esperienza culinaria che, anche e soprattutto durante le festività, riesce a ispirare tutti gli appassionati di cucina nella realizzazione di piatti ricchi di storia e sapori, perfetti per arricchire le tavole durante le occasioni di convivialità tipiche della Pasqua.

Infinite le proposte culinarie entro cui è possibile spaziare in un gioco di sapori e accostamenti davvero sorprendenti: l’Amarone della Valpolicella DOCG, con la sua complessità e struttura, trova un felice connubio con un classico della tradizione pasquale come l’agnello al forno, impreziosito dalle erbe aromatiche del territorio, che si sposa perfettamente con le note fruttate e speziate del vino.