Il vino Barbaresco ha radici antiche e forti come la sua notorietà; un vino straordinario per prestigio e identità, che oggi ci apprestiamo a degustare in due versioni della storica e lungimirante azienda Piazzo, situata nel cuore di questa denominazione.

Il Barbaresco DOCG di Piazzo “Pajorè” è un nuovo arrivato nella gamma di questa cantina, dove sono compresi anche altri tre barbareschi.

Il Pajorè rappresenta un Cru aziendale, ottenuto da vigneti posti nel comune di Treiso e prende il nome dall’antico podere. Qui troviamo un terreno povero di nutrimenti che fa accrescere la parte aromatica del Pajorè. L’affinamento di 9 mesi fa esaltare un colore rosso equilibrato nelle sfumature, leggermente granato nel bicchiere dove emergono da subito note balsamiche di freschezza e fiori rossi di campo.

Al palato è armonico con una punta asciutta nel tannino definito e vibrante che accompagna la lunghezza gustativa.

L’altro Barbaresco degustato, l’ “Argè” è, invece, una vera e propria icona aziendale. Qui non si parla di Cru ma di un sapiente assemblaggio di Nebbiolo, dove il velluto emerge da subito anche al naso nelle note minerali. Nell’Argè la complessità olfattiva è molto ampia, un Barbaresco di personalità accentuata da note di frutta sotto spirito che prevalgono sulle sinfonie floreali. 

Ciò che accomuna questi due prodotti di Piazzo è senza dubbio il gusto pieno e delicatamente soffice, hanno entrambi un significativo impatto persistente nell’aromaticità mantenendo al tempo stesso una personalità ben distinta tra i due, in modo particolare in bocca, dove c’è un equilibrio identitario ben definito nella diversa, seppur importante struttura.

Nelle nostre degustazioni non siamo propensi ai voti o ai punteggi, ma in questo caso abbiamo degustato due veri vini di grande stoffa, spessore e armonia e per entrambi, grazie alla loro intrigante eleganza dobbiamo necessariamente fare un grande applauso.

Company Profile

Una realtà famigliare a pochi chilometri da Alba che da oltre 60 anni è annoverata tra le pioniere del Nebbiolo. La cantina Piazzo è nata dal sogno di Armando Piazzo e Gemma Veglia, che negli anni ’60 decidono di restare e credere nella loro terra, le Langhe de “La Malora” di Fenoglio. L’ idea lungimirante e contro corrente di investire poi nel vitigno principe, il Nebbiolo si rivela vincente. Oggi l’azienda conta 70 ettari di vigneti di proprietà di cui il 60% è coltivato a Nebbiolo. La Cantina, guidata dalla figlia Marina insieme al marito Franco e ai figli Simone e Marco, ha una rappresentativa gamma di vini tipici: dei classici moderni, una tradizione raffinata e sempre più attenta alla sostenibilità ambientale.

Piazzo Comm. Armando
Fraz. San Rocco Seno d’Elvio 31 
Alba, CN 12051 IT

www.piazzo.it
+39 0173 286798
apiazzo@piazzo.it

Piazzo