Piacenza Expo annuncia che la Fiera dei Vini 2024, in programma nel capoluogo emiliano da sabato 16 a lunedì 18 novembre, diventerà la prima manifestazione fieristica a carattere nazionale dedicata all’enoturismo. L’evento ha ottenuto il patrocinio del Movimento Turismo del Vino, ente no profit che riunisce le più prestigiose aziende vitivinicole d’Italia selezionate sulla base di specifici criteri, principalmente per la qualità dell’ospitalità in cantina. 

Il sostegno è stato accordato dal Presidente del Movimento Turismo del Vino Nicola D’Auria, che ha sottolineato come la Fiera dei Vini sia “un’occasione qualificata e qualificante per sviluppare la formazione e il business legati alla cultura dell’accoglienza enoturistica, promuovendo un approccio al mondo del vino sempre più caratterizzato dalla ricerca di suggestioni ed esperienze sensoriali”. Indirizzata tanto agli appassionati curiosi di esplorare nuovi territori e approfondire la cultura del vino quanto a esperti e professionisti del settore, la Fiera dei Vini proporrà un nuovo modo di intendere una mostra mercato, dove l’incontro con i produttori diventerà momento per scoprirne prodotti e storie ma anche possibilità di esplorare le zone vinicole del Belpaese, con peculiarità e tradizioni. Nel percorso all’interno dei padiglioni i visitatori potranno trovare informazioni e proposte per organizzare al meglio le visite, non solo nelle cantine ma anche nel territorio circostante.

“La nostra mostra mercato sarà un unicum nel panorama italiano – dichiara Sergio Copelli, Coordinatore Generale di Piacenza Expo – perché mette al centro l’importanza strategica di promuovere l’accoglienza in azienda e sviluppare attività adeguate. Con un format collaudato e lo sviluppo della manifestazione su tre giorni – con il lunedì pensato per il mondo HoReCa, masterclass e momenti di approfondimento – ci proponiamo di diventare il punto di riferimento nell’ambito enoturistico per l’intero settore, ma soprattutto per le cantine che scelgono di prendere parte alla Fiera dei Vini, rinnovando la fiducia nei nostri confronti, così come per gli operatori che si relazionano quotidianamente con turisti e winelovers in cerca di innovative esperienze di visita”. 

Per garantire la migliore fruizione della rassegna e offrire un’esperienza di qualità ideale per visitatori e produttori, le iscrizioni verranno chiuse al raggiungimento dei 300 espositori. “Abbiamo già assegnato i 2/3 dei posti disponibili – prosegue Copelli – È il segnale che siamo sulla strada giusta, e che questa manifestazione desta grande interesse anche grazie al buon punto di partenza dell’edizione 2023”. ​ ​ 

​I produttori interessati a esporre alla Fiera dei Vini potranno pre-accreditarsi sul sito. Le richieste saranno valutate dal comitato tecnico che potrà confermare l’iscrizione fino al raggiungimento della capienza massima.