Nel contesto del rinomato evento Vinitaly, Airbnb e Coldiretti hanno annunciato un’innovativa partnership per rafforzare l’enoturismo in Italia, focalizzandosi sui distretti del vino meno conosciuti. 

Il patto, discusso nel convegno “I luoghi del vino, eccellenza made in Italy e strategie per il turismo diffuso”, mira a diversificare il turismo vitivinicolo, spostando l’attenzione dai classici itinerari turistici a zone meno esplorate ma ricche di tradizione e cultura vinicola.

I dati sull’enoturismo di Airbnb

La categoria “Vigneti” su Airbnb ha registrato una crescita notevole, riflettendo un crescente interesse per esperienze autentiche tra i filari delle vigne italiane:

  • Annunci attivi: Oltre 33.000 soltanto in Italia, dimostrando una vasta scelta per gli appassionati di vino.
  • Incremento dei pernottamenti: Un aumento del 400% nei pernottamenti nei vigneti nel 2023 rispetto all’anno precedente.
  • Visitatori: Circa 880.000 visitatori hanno scelto di soggiornare nei vigneti, con una permanenza media di quasi 4 notti.
  • Reddito degli host: Gli host nelle aree vitivinicole hanno guadagnato oltre 200 milioni di euro nel 2023, con un guadagno medio di circa 4.500 euro per host.

Airbnb e il contributo alla cultura locale

La popolarità della categoria Vigneti su Airbnb non solo ha stimolato l’economia locale, ma ha anche offerto ai turisti un’immersione nella cultura vinicola italiana. Secondo le indagini di Airbnb, infatti, la maggior parte degli ospiti preferisce alloggiare in case locali perché permette un contatto più autentico con le tradizioni e lo stile di vita del posto.

L’iniziativa tra Airbnb e Coldiretti non si limita al mero incremento turistico, ma promuove anche pratiche di sviluppo sostenibile e rispetto per le comunità locali. La collaborazione prevede attività di sensibilizzazione per gli host, aiutandoli a diventare veri e propri ambasciatori del territorio, pronti a condividere con i visitatori la ricchezza e la specificità dei loro distretti vitivinicoli.

Futuro dell’enoturismo Italiano

Con questa partnership, Airbnb e Coldiretti puntano a consolidare ulteriormente il legame tra turismo e cultura vinicola, sostenendo l’industria del vino e promuovendo un turismo più consapevole e integrato nelle realtà locali. L’obiettivo è di creare una rete di ospitalità che contribuisca attivamente alla valorizzazione del Made in Italy e al mantenimento delle tradizioni vitivinicole italiane, assicurando al contempo una crescita economica sostenibile per le piccole comunità rurali.